Un paradiso a Tokyo: l’isola artificiale di Odaiba (お 台 場)

sdr

Durante il mio soggiorno a Tokyo uno dei luoghi che davvero mi ha stregato ed ha attirato la mia attenzione è l’isola artificiale di Odaiba (お 台 場). Dopo essere arrivati alla stazione di Shimbashi, dove ferma tra le altre anche la JR Yamanote Line, è necessario prendere la Yurikamome, una linea ferroviaria con un treno su monorotaia sopraelevato e totalmente automatico senza conducente. Il percorso che conduce alla fermata finale è davvero sorprendente dal momento che attraversando una serie di ponti sopraelevati rispetto ai diversi fiumi e canali che attraversano Tokyo è in grado di offrire una panoramica stupenda della città e delle prospettive davvero interessanti che i turisti fanno a gara per catturare. In pochi minuti si arriva a Daiba e il tempo sembra essere volato.
Questo quartiere, che sorge su un’isola artificiale, è davvero un esempio di alta tecnologia moderna e si presenta anche come il luogo ideale per trascorrere una giornata tranquilla e rilassante. Odaiba è quindi un famoso quartiere dello shopping e del divertimento che sorge su un’isola artificiale nella baia di Tokyo. Nacque come una serie di piccole isole fortificate (daiba significa letteralmente “forte”), che furono costruite verso la fine del periodo Edo (1603-1868) per proteggere Tokyo da possibili attacchi dal mare ed in particolare in risposta alla politica aggressiva del Commodoro Perry.
Più di un secolo dopo, le piccole isole sono state unite in grandi isole da enormi discariche e Tokyo ha avviato uno spettacolare progetto di sviluppo volto a trasformare le isole in un futuristico quartiere residenziale e commerciale durante gli stravaganti anni ’80; fin da subito, quindi, il quartiere attira l’attenzione del turista poiché tutto in questo quartiere è stato costruito per essere piacevole e innovativo.

sdr

Il quartiere si presenta apparentemente contraddittorio in alcuni dei suoi elementi: in primis, è un quartiere altamente tecnologico con strutture futuristiche a cui si contrappone il verde dei suoi parchi e la sabbia dorata delle sue splendide spiagge; secondo, a differenza del resto della città piena di grattacieli e sovraffollata, Odaiba pur presentando la tipica fisionomia di un quartiere altamente industrializzato e urbanizzato di Tokyo si presenta molto tranquillo, piacevole e scarsamente frequentato.
Il quartiere di Odaiba si presenta come tante altre zone di Tokyo le quali sono state pensate appositamente per garantire ai suoi abitanti la possibilità di sfuggire dal ritmo incessante della metropoli e di venire in questi luoghi a trovare un po’ della serenità interiore perduta e non è un caso trovare in questa zona di Tokyo alcuni uomini e donne in affari che tra una pausa ed un’altra o al termine del proprio turno di lavoro riprendono le proprie energie e passeggiano tra i parchi, in riva al fiume o si dedicano allo shopping. Come già detto il quartiere si presenta molto piacevole e ospita delle strade molto larghe e spaziose che, non essendo battute da centinaia di auto, rende una camminata tra le vie di questo quartiere molto piacevole e consente nel contempo di ammirare la splendida vista della baia e dell’intera metropoli di Tokyo, soprattutto al tramonto, e del magnifico ponte Rainbow Bridge.
Ricordo ancora quando decisi per un momento di sedermi rivolgendo la vista verso l’orizzonte non ostruito da grattacieli e lì rimasi per circa 15 minuti senza pensare a nulla, non provando alcun desiderio o alcuna preoccupazione; ero seduto e rilassato e il vento freddo mi accarezzava il viso e il sole si precipitava al di sottò della linea dell’orizzonte sprizzando ovunque le sue mille tonalità di colore. E’ stato uno dei momenti più affascinati del mio viaggio in Giappone e credo che quel posto possa sinceramente essere nominato come “il mio angolo preferito di Tokyo”.

dav

Quando parlavo di strutture avveniristiche mi riferivo proprio al Rainbow Bidge che collega Odaiba a Tokyo e che si presenta come un ponte a due piani, particolarmente incantevole per via della sua illuminazione notturna, e sul quale passano una superstrada, una strada normale, la linea ferroviaria Yurikamome e percorsi pedonali su entrambi i lati!
Inoltre, nonostante le battute d’arresto iniziali, diversi progetti di sviluppo sontuosi si sono materializzati, tra cui alcune delle più audaci creazioni architettoniche di Tokyo, come il Fuji TV Building, il Telecom Center e il Tokyo Big Sight. La moderna pianificazione urbana, come già detto, offre un’ampia gamma di spazi verdi e una gradevole divisione del traffico motorizzato e pedonale con passerelle sopraelevate.
All’interno del quartiere è poi possibile trovare una sorpresa molto gradevole soprattutto ai fan degli anime, soprattutto quelli di vecchia data!!!

dig

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...