Budapest, una città che non ti aspetti

dav

Quando ho prenotato per Budapest non pensavo di visitare una grande città. In generale, tutti i commenti di chi ci era stato prima di me erano positivi, ma in me ancora albergava qualche pregiudizio legato alla difficoltà di credere che in uno stato come quello ungherese – legato per diverso tempo a quello sovietico – si fosse superato quel clima freddo e di terrore tipici degli anni della Guerra Fredda. Ad attendermi, invece, ho trovato una città magnifica e piena di storia e di tradizione.
Budapest nacque ufficialmente nel 1873 dall’unione delle città storiche di Buda e Óbuda, ubicate sulla sponda destra del Danubio, con l’abitato di Pest, situato sulla riva opposta del fiume e anch’esso di antiche origini; fino al 1918 fu una delle due capitali dell’Impero austro-ungarico, dissoltosi al termine della prima guerra mondiale. Ciò ha reso la capitale ungherese uno dei principali poli culturali europei durante i secoli della dominazione asburgica e i suoi pezzi d’arte possono essere ancora oggi visitati.
La città si presenta molto elegante e raffinata e, contrariamente ad uno di quei tanti pregiudizi che mi influenzavano inizialmente, pulita. Per le strade principali e secondarie è difficile trovare sporcizia e oggetti abbandonati a sé stessi mentre le stesse arterie della città si rivelano molto larghe e conferiscono alla città un senso di libertà. Ho visitato la città nel mese freddo di Febbraio quindi le temperature erano molto basse e gli alberi che riempivano i marciapiedi erano spogli, ma questa capitale promette di essere molto affascinante e verde durante il periodo primaverile ed estivo specie per quanto riguarda l’isola Margherita che si presenta come uno dei maggiori spazi dove è possibile dedicarsi ad attività sportive o anche a semplici passeggiate nel bel mezzo della natura e senza neppure l’ombra di un veicolo urbano.

dav
Ecco, proprio con riferimento ai veicoli, bisogna annotare il fatto che mentre la città si presenta in generale molto pulita, la stessa cosa non si può dire dell’aria che si respira: le auto, così come i mezzi pubblici, sono molto vecchi e rilasciano in maniera evidente del fumo nero in grandi quantità. La città è in via d’espansione e ciò è dimostrato dalla presenza e dalla costruzione di nuove linee metropolitane che stanno andando a sostituire pian piano l’antica rete sub-urbana.
Una nota d’onore che la città di Budapest merita senz’altro è con riferimento all’efficienza dei mezzi di trasporto pubblici : non un solo angolo della città è abbandonato a sé stesso e gli stessi trasporti, anche numerosi, circolano con precisione e puntualità. In Europa difficilmente mi è capitato di trovare un collegamento così efficace tra i diversi punti delle metro e dei tram che rendono possibile la visita della città senza affaticarsi troppo percorrendo diversi chilometri.
Infine, in questa breve ed iniziale descrizione delle mie impressioni di Budapest, va senz’altro annotata la descrizione strategica dell’hotel che l’agenzia di viaggio a cui mi sono rivolto, Groupintown,  ha saputo indicare. L’hotel Medosz sorge a soli 100m dalla fermata della linea 1 Oktogon ed è a sole due fermate (meno di 3 min) dalla fermata centrale di Deàk Ferenc Tér dove è possibile effettuare lo scambio con le altre linee 2 e 3. La posizione di Oktogon è particolarmente favorevole anche perché risulta vicina alle fermate dei tram 4 e 6 che tagliano in due mezza parte della città, e con i tram 47 48 49 che toccano diversi punti importanti che è possibile visitare quali la Basilica di Santo Stefano, la Sinagoga, il Museo Nazionale ungherese, il Mercato coperto più grande d’Europa  fino a concludere la loro corsa alle Terme Gellert.
Ottimo direi!

dav

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...