Kyoto (京都市) e il Giappone Tradizionale

sdr

Dopo Takayama, Kyoto rappresenta la mia città giapponese preferita. All’arrivo alla stazione di Kyoto si è subito accolti da una sensazione di stupore e meraviglia. Probabilmente la stazione di Kyoto è una delle più grandi e spettacolari al mondo e sotto il periodo di Natale il tutto è reso ancor più meraviglioso dalla presenza di un immenso albero di Natale che sovrasta l’intero spazio al coperto della stazione.
La stazione è veramente immensa e al di fuori dello spazio adibito al traffico ferroviario è possibile usare diversi livelli di scale mobili le quali conducono ad una terrazza dalla quale è possibile ammirare l’intero skyline della città giapponese dal momento che l’intera veranda è protetta solo da una vetrata che rende possibile osservare la città e di ammirare gli splendidi tramonti senza interferenza alcuna vista l’assenza di grattacieli così come è possibile vederne a Tokyo.

sdr

Non è un caso che la stazione di Kyoto sia stata oggetto di critiche al momento del suo completamento visto che contrasta completamente con l’intera fisionomia della città di Kyoto. Qui a differenza di Tokyo non vi sono immensi grattacieli e la città, fortunatamente rimasta illesa dal disastro del secondo conflitto mondiale, ha mantenuto intatta la sua forma tradizionale e quindi è possibile ammirare una tipica città giapponese con quelle tradizionali abitazioni che più volte ci è capitato di ammirare negli anime o nei manga.
Non essendo la città sviluppata in altezza la fa da padrona la cosiddetta Kyoto Tower che pur essendo alta circa 100m, e quindi essendo quasi un quinto più bassa della Tokyo Sky Tree, è visibile quasi da ogni punto della città e la sera, con la sua illuminazione, diventa un gradito punto di riferimento per ritrovare la via.
La Kyoto Tower, quindi, non regala e non può regalare le stesse soddisfazioni della cugina a Tokyo eppure merita senz’altro di essere visitata non solo perché presenta una struttura architettonica differente ma anche perché consente di ammirare uno skyline diverso che può offrire l’opportunità di osservare la città di Kyoto dall’alto ma anche lo spunto per riflettere sul fatto di come nello stesso Giappone sia possibile fare, ora a Kyoto e ora a Tokyo, tipi di esperienze completamente differenti.

mde

Vicino alla Kyoto Tower è possibile visitare il meraviglioso Higashi Hongan-ji (東 本 願 寺), o il Tempio Orientale del Voto Originale. L’area dedicata è un complesso di edifici che è possibile visitare a condizione di camminare scalzi e quindi riporre le scarpe all’interno di una busta che possiamo portare con noi. All’interno non è possibile scattare foto e forse tale misura andrebbe presa per la visita di tutti gli altri monumenti. Credo che a volte siamo così presi dalla voglia di scattare foto che dimentichiamo di godere del paesaggio o di osservare i meravigliosi interni di un tempio o di un museo con il solo obiettivo di catturare una scena con la quale rivendicare quei maledetti like.
Al di là di ciò il camminare a piedi scalzi ci consente non solo di mostrare il nostro rispetto verso il tempio e le divinità lì riposte ma anche di sperimentare quella tradizione tutta giapponese e di respirare un po’ di quell’aria esotica e di pace che doveva interessare i monaci di quel tempio qualche secolo prima al vertice della sua fondazione.
L’area di fronte al tempio comprende una piazza molto bella, forse non molto grande, ma molto rilassante vista la presenza di alberi che riparano dal sole e di una fontana che, tra i diversi giochi di luce con i raggi solari e le foglie degli alberi autunnali circostanti, regala uno spettacolo naturale che lascia a bocca aperta.

sdr

Vista la nostra presenza nell’area conviene anche visitare lo splendido giardino posto a poche centinaia di metri dal tempio. E’ sufficiente attraversare la strada e andare sempre in direzione diritta. Probabilmente è uno dei giardini di origine buddista più belli tra quelli che è possibile visitare a Kyoto e nell’intero Giappone. Una cosa affascinante di questo giardino, così come di tanti altri in tutto il Paese del Sol Levante, è che queste oasi di pace sorgono nel bel mezzo della città dove al suo interno è possibile ancora udire il rumore del traffico cittadino e, tuttavia, consente di isolarsi e ritrovare un po’ di pace interiore nel trambusto della vita cittadina.
Il giardino Shōsei-en ha un laghetto e alcune case da tè, alberi di ciliegio che diventano sicuramente un magnete per il visitatore in primavera; ma devo ammettere che la natura anche in autunno è in grado di offrire uno scenario davvero unico che probabilmente le foto non possono trasmettere; è bello vedere come questi luoghi meravigliosi esistano ancora nella moderna Kyoto.

sdr

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...